Causa di lavoro, la Corte d’appello di Torino dà ragione a Damanhur

Dh 2Ecco una bella notizia che farà piacere a tutti coloro che si battono per il riconoscimento dei diritti delle comunità intenzionali e dei loro appartenenti.

Il 13 ottobre scorso, la Corte d’Appello di Torino ha accolto la tesi dei legali di Damanhur – Federazione di Comunità in una causa di lavoro intentata lo scorso anno da un’ex damanhuriana, confermando il principio che lavorare nelle attività di servizio di una comunità intenzionale non significa svolgere lavoro subordinato.

La sentenza di primo grado, risalente al novembre 2010, aveva solo parzialmente accolto le nostre tesi, mentre la sentenza di secondo grado ci ha dato piena soddisfazione.

Le motivazioni dei giudici, pubblicate all’inizio di dicembre, convalidano le argomentazioni portate da Damanhur: la partecipazione a ogni attività comunitaria poggia sull’adesione a un progetto di vita liberamente scelto e sull’autonomia della persona. Nel motivare la sentenza, i Giudici della Corte d’Appello hanno descritto le caratteristiche socio-spirituali di Damanhur, compresi i principi della Costituzione damanhuriana, asseverando le tesi della Federazione riguardo allo spirito ideale che anima i cittadini nella partecipazione alla vita della stessa, a cominciare dalle attività quotidiane.

Si tratta di una sentenza importante, che apre nuove prospettive per tutto il movimento comunitario italiano ed europeo. Il lavoro è uno degli ambiti nei quali le comunità rappresentano un laboratorio sociale avanzato, e la sentenza della Corte d’Appello di Torino rende finalmente giustizia a un fenomeno ricco di spunti e risorse per tutta la società.

Approfondimenti: clicca qui.

Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>