Damanhur, Valchiusella

I primi damanhuriani sono arrivati in Valchiusella alla fine del 1979; un paio di anni prima, se vogliamo, considerando l’acquisto dei primi terreni e i primi lavori di recupero del territorio. Oggi, damanhuriani si trovano nei Consigli Comunali di Baldissero, Vistrorio, Issiglio, Lugnacco.

Addirittura, Vidracco è retta dal 1999 da un’Amministrazione composta da damanhuriani, sindaco compreso: prima Bisonte Quercia, oggi Elfo Frassino.

A chi dice che in Valchiusella nessuno ci sopporta e che a Vidracco tutti sono scontenti, possiamo solo rispondere con l’invito a fare un salto qua e chiedere alle persone cosa pensano veramente. Certo, far contenti tutti in un paese è pressoché impossibile, come sa chiunque abbia esperienza diretta, non solo per sentito dire, di Amministrazione. Ma per capire come stanno le cose, basta considerare che i cittadini di Damanhur non avrebbero da soli i voti per eleggere così tanti rappresentanti, quindi la fiducia che li circonda è in aumento.

D’altronde, è vero che siamo rumorosi, insoliti e che certamente richiamiamo tanta gente in una zona dove il progressivo spopolamento era ormai tranquillamente accettato da tutti; ma non potrebbe non esserci fiducia, considerando le decine di incendi che abbiamo spento in più di vent’anni per salvare i pascoli e le cascine dei Valchiusellesi, oppure considerando quanto abbiamo fatto in occasione dell’alluvione della Dora nel 2000, o tutti i servizi medici e di soccorso che abbiamo portato in Valle, o le occasioni di lavoro.

Allora, perché alcuni dicono che siamo mal sopportati? In parte, perché un po’ è vero: c’è chi non ha ancora accettato che persone che vengono “da fuori” si trovino bene in casa loro, e si diano da fare per migliorarne l’aspetto e la pulizia. È una posizione di principio, con la quale è difficile trattare.

E poi ci sono quanti avrebbero interesse a mantenere il controllo sulla Valle, sui voti dei valligiani, sui piccoli privilegi che derivano da posizioni di piccolo potere, insidiato (secondo loro) dalle iniziative e dalla vitalità dei damanhuriani…

… ma la gente, tanta gente si è accorta che non siamo qui per sottrarre, bensì per avvicinare, unire e preservare valori che si stanno perdendo: dialetti, tradizioni, usanze locali, onestà. Facciamo così, qualche volta sbagliando, qualche volta esagerando, ma sempre con grande impegno e serietà, da più di trenta anni. Noi siamo damanhuriani E valchiusellesi, semplicemente.